Riflessioni veloci

29 dicembre 2007

Due riflessioni veloci su questo blog:

William Stein dell’Università di Washington con la collaborazione di un centinaio di matematici e fisici ha creato Sage, un ottimo software matematico gratuito ed open source. Sage crea un ambiente di lavoro nel quale è possibile svolgere un’ampia varietà di calcoli e studi matematici, dai più elementari a quelli che riguardano la teoria dei numeri, la crittografia, l’algebra commutativa, la teoria dei gruppi e quella dei grafi e molto altro ancora.

Sviluppato in un linguaggio relativamente “semplice” come Python il software, rilasciato sotto licenza GPL, dispone di interfacce che gli permettono di interagire con altri programmi sia commerciali, come Matlab, Mathematica e Magma sia free come Axiom, GAP e GP/PARI.

E’ possibile utilizzare Sage da linea di comando, per mezzo di script e programmi e soprattutto via browser. Attraverso l’interfaccia Notebook è infatti possibile gestire tramite web server una collezione di account, ognuno di quali avrà a disposizione un proprio spazio dei dati.

Nato all’insegna della facilità di utilizzo e dell’interoperabilità, Sage si avvale di un’ampia documentazione, di un ottimo tutorial e di una vasta comunità di supporto. E’ inoltre possibile provare il programma attraverso una versione online, disponibile a questo indirizzo.

Sage ha vinto il primo premio nella sezione “software scientifici” del concorso internazionale per free software Les Trophées du Libre 2007.

Fonte: Galileo. Giornale di scienza e problemi globali

Alcuni screenshots di Sage:

sage_vs_texmacs-medium.jpg

sage1.jpg

blueredhat-medium.jpg

Dati liberi

20 dicembre 2007

Pochi giorni fa il progetto Science Commons, costola di Creative Commons, ha lanciato il “Protocol for Implementing Open Access Data”, protocollo che dovrebbe consentire di integrare legalmente tra di loro dati e database di natura scientifica. Il “Protocollo”, come viene semplicemente chiamato, è nato dopo anni di consultazioni ed incontri tra diversi soggetti — tra cui scienziati che si occupano di biodiversità — di varie nazionalità e non è una licenza od uno strumento legale: vuole essere una metodologia per creare tali strumenti legali e per contrassegnare dati già di pubblico dominio a beneficio delle ricerche machine-assisted. Il principio che ispira il protocollo è quello che i dati, nella scienza, divengono realmente utili quando sono messi liberamente a disposizione della comunità scientifica, come nel caso del sequenziamento del genoma umano.

Un primo risultato, una bozza dell’ Open Data Commons Public Domain Dedication and License, è nato dalla collaborazione tra Science Commons, il team legale di Open Database License, Talis e la Open Knowledge Foundation.

Nelle parole di John Wilbanks, vice presidente di Creative Commons e responsabile del progetto Science Commons:

La “libertà di integrare” è una delle libertà fondamentali per ciò che riguarda i dati sul Web […]. L’approccio Open Data Commons License […] implementa le norme per la condivisione dei dati (data sharing), fornendo una guida per gli scienziati che si comportano da buoni cittadini, senza esporli ad azioni legali […]

L’obbiettivo finale è quello di costruire una licenza facilmente comprensibile attraverso un lavoro di raffinamento successivo ottenuto grazie al feedback degli utilizzatori.

L’Open Data Commons License è conforme a CC∅, ad uno dei due nuovi protocolli lanciati da Creative Commons.

CC∅ consente di rilasciare il proprio lavoro liberandolo da restrizioni legali mentre il protocollo CC+ permette di coniugare la diffusione del proprio lavoro sotto licenza non-commerciale con eventuali utilizzi a scopo di lucro da parte di terzi.

 

 

Italia-Francia

10 dicembre 2007

Personalmente non ho neppure un computer. Mi servo, se sono spalle al muro, di quello di altri. Ma quando una mia corrispondente mi annunciò di voler troncare i suoi rapporti con internet per di nuovo pensare e contemplare, le chiesi quante ore al giorno dedicava a quella sua attività. Mi rispose: quattro ore. Dissi che erano troppe, perfino per attività meno coercitive.

Franco Cordelli, critico teatrale, saggista e scrittore, sul Corriere della Sera, 9 dicembre 2007

La circolazione rapidissima dei saperi grazie alle nuove tecnologie non solo contribuisce all’emergere di nuovi poli culturali, ma consente la nascita di comunità di studio puramente virtuali, svincolate da qualunque luogo fisico. Nascono così nuove forme collettive di elaborazione del sapere che strappano la cultura alla materialità dei luoghi tradizionali, creandone di nuovi del tutto immateriali. […] La circolazione diffusa di un sapere limita […] i rischi di una sua eventuale scomparsa. Più un sapere è concentrato in un luogo, più la sua perennità è a rischio., dato che dipende strettamente dal destino del luogo. Invece più un sapere circola, più ha possibilità di sopravvivere. E’ il motivo per cui ancora oggi possiamo leggere Confucio o Aristotele.

Christian Jacob, ellenista, intervistato da Fabio Gambaro, la Repubblica del 10 dicembre 2007

Ancora tante scuse

9 dicembre 2007

Grazie a Mr. Toradol e a Mrs. Voltaren riesco a digitare senza assumere pose imbarazzanti.

Rinnovo le mie scuse al piùBlogCamp. Non è mia abitudine mancare agli appuntamenti. Mi sarebbe piaciuto molto conoscere altri blogger e fare una chiaccherata sul cinema 2.0.

Qui sotto la presentazione che avrei dovuto portare.

scuse

9 dicembre 2007

Chiedo scusa a tutti i partecipanti del piùBlogCamp per non poterci essere. Sono in pieno colpo della strega. Appena possibile metterò online qui sul blog le slides che avevo preparato sul cinema 2.0. Ci avevo lavorato sopra tutta la settimana…

PiùFederico

6 dicembre 2007

Domenica 9 dicembre sarò al PiùBLOG Camp di Roma. Farò una presentazione sul cinema 2.0, integrando l’articolo che ho scritto per Cinema Invisibile con il materiale presente sul sito filmóidi nella Rete. E’ il mio primo Bar Camp

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.