Type-to-tag o click-to-tag?

Il tagging è un’attività che richiede un certo sforzo cognitivo. Quando devo etichettare un post od una notizia per del.icio.us, quando su Anobii devo trovare i tag che possano “descrivere” un libro che ho letto svolgo un esercizio mentale.

Devo rileggere, rielaborare, sintetizzare e quindi filtrare mentalmente i contenuti che ho letto per ottenere le parole chiave, le “pennellate” di significato che tratteggiano e riassumono l’unità informativa di livello superiore. Questa pratica, oltre che portare benefici di ordine sociale, favorendo la condivisione della conoscenza, aiuta anche, proprio come effetto collaterale del nostro sforzo, ad organizzare e memorizzare meglio le informazioni, inserendole in modo più efficace nella nostra architettura mentale.

Il tagging ha però un costo legato all’interazione, alla necessità di digitare le parole che abbiamo eletto a tag. Cercare di minimizzare questo costo (fastidio, se volete) può portare benefici alla collettività, inducendo sempre più individui ad esercitare questa pratica.

Questo è il motivo per cui è stato sviluppato Click2Tag, un sistema molto semplice per effettuare il tagging sviluppato al Palo Alto Research Center (PARC) dall’Augmented Social Cognition Research Group durante la progettazione di un nuovo sistema di social bookmarking denominato SparTag.us. In pratica con la nuova interfaccia cliccando sulle parole del testo promosse a tag esse verranno automaticamente inserite nell’elenco delle parole chiave.

I ricercatori del gruppo si sono però chiesti se questo automatismo non attenuasse i benefici cognitivi di cui ho accennato in precedenza.

Una loro (piccola) ricerca sembra dimostrare che le due diverse tecniche influiscano in maniera diversa, ma sempre positiva, sui processi di memorizzazione delle informazioni

Il tagging by typing è un processo top down che promuove l’elaborazione dei contenuti e favorisce la contestualizzazione delle informazioni apprese all’interno dei propri schemi e categorie mentali.

Il tagging by clicking è un processo bottom-up che, grazie alla ripetuta lettura delle parole rilevanti, permette una più facile memorizzazione “grezza” ed oggettiva delle informazioni, tenendole sostanzialmente slegate dalle proprie ontologie.

Il primo approccio favorirebbe quindi l’organizzazione delle informazioni nel proprio quadro soggettivo, il secondo l’apprendimento guidato dal contenuto.

C’è da notare che spesso i termini più appropriati per rappresentare un testo non sono contenuti all’interno del testo stesso. Quindi la procedura click-to-tag ha una limitazione che il type-to-tag non ha. D’altronde la ricerca ha evidenziato come la procedura più semplice — e veloce — induca ad inserire un numero maggiore di tag per classificare un contenuto.

Scrivendo questo post mi sono tornati in mente i vari sistemi che noi ragazzi, a scuola o all’università, utilizzavamo per studiare e per memorizzare nozioni e concetti attraverso la lettura dei libri di testo.C’era chi sottolineava le frasi più significative (forse analogo, come risultato finale, al click-to-tag?), chi scriveva a latere o sul blocco degli appunti commenti e riflessioni (type-to-tag?) e chi, come me, non scriveva nulla o quasi ma si affidava a letture ripetute con diversi livelli di attenzione e di dettaglio (read-to-tag?)

2 thoughts on “Type-to-tag o click-to-tag?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...