Lo status sociale sotto l’occhio di quubie

quublogo

Lo sapevate che scrivere sul vostro status di Facebook qualcosa del tipo “Federico va a mangiare una pizza da Santillo o’Animale: chi mi accompagna?” è diverso che scrivere “Federico rapisce i propri pensieri per tingerli di blu”?

Il primo è un esempio di micropresence, in cui date informazioni sulla vostra localizzazione fisica e che, in teoria, dovrebbe essere soggetto a regole di privacy più rigide. Il secondo è un semplice microblogging, una momentanea cristallizzazione di vostri pensieri più o meno psichedelici o, più banalmente e prosaicamente, un web-sms broadcast.

La distinzione l’ho trovata tra le pagine di quub, un nuovo servizio che consente di avere una “centrale unica” per aggiornare gli status in diversi altri servizi e social network quali Twitter, LinkedIn, Plaxo, Facebook ed altri.

Il valore aggiunto, oltre alla praticità, dovrebbe essere quubie, un’intelligenza artificiale in grado di aiutarci a mantenere aggiornato lo status. Francamente come funzioni ancora non l’ho capito: immagino che semplicemente memorizzi gli status ricorrenti, o frazioni di questo; ogni status è infatti diviso in tre parti che approssimativamente corrispondono a “Dove”, “Cosa” e “Cos’altro”.

Il servizio nasce da un progetto di ricerca, Nomatics*IM, dell’Università di Irvine in California e precisamente del LUCI (Laboratory for Ubiquitous Computing and Interaction); si tratta di un sistema che cerca di automatizzare la micropresence utilizzando sistemi di IM integrati con i sensori (driver Wi-fi, GPS ecc.). Praticamente una sorta di Google Latitude

Tornando a quub, vi sono anche funzionalità social, come la possibilità di aggiungere contatti con cui interagire e di cui seguire l’evoluzione dei rispettivi “stati”.

Onestamente non so quanto possa essere utile un servizio del genere; prima di tutto non è detto che ciò che scrivo nello status di Facebook vada bene anche per LinkedIn, per esempio. In secondo luogo la sincronizzazione avviene in un solo senso: se aggiorno lo status su Facebook ciò non avviene su quub e quindi sugli altri servizi.

Attualmente quub è in beta privata: se vi va di provarlo ho una decina di inviti a disposizione.

One thought on “Lo status sociale sotto l’occhio di quubie

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...